A A A
RIPETI ANCHE TU QUESTA GITAFOTO PRECEDENTIREPERTORIOITINERARIO
CORREGGI LA TUA GITAGITE PRECEDENTITRACCE GPSPANO 360°
 C'ERO ANCH'IO IN QUESTA GITASTAMPAAIUTO
  
Nome gitaNEGRA (ROCCA) :: (m. 2838 - 2836 CTR - 2840 IGN) 
Valle :: ZonaValle Stura (dx orograf.) :: Alpi Marittime 
Localita partenzaBagni di Vinadio (Vinadio) (m. 1265) 
Accesso stradaleCUNEO - Borgo S.D. - Demonte - Vinadio - bivio sx Pianche 
Dislivello totale1573 metri
EsposizioneNE,SE 
DifficoltàBS 
Attrezzat. necess.utili piccozza e ramponi 
Note gitaA tarda stagione si parte dal ponte (1640 c.) prima di S. Bernolfo (1702 - 1663 m CTR) 
Data  martedì 1 maggio 2018 Giudizio  1    
Autore  Ugo Bottari
Meteosereno e poi rapido peggioramento a metà mattinata 
Località eff. part.S. Bernolfo 
Percorribil. stradanulla da segnalare 
Dislivello effettivo1095 metri
Qualità
neve
Farinosa umida - 10 cm di farina su fondo duro
Primaverile ghiacciata liscia - con qualche zona di farina
Primaverile morbida liscia - lievissimamente ondulata
Altezza
neve
120 cm - 10-15 cm di neve nuova
30 cm
Pericolo valanghe
Scala Aineva   : 0   (nullo o quasi lungo il percorso)
Dettagli : nessun dettaglio
Note effettuazione
L'innevamento è ottimo; si parte e si arriva sci ai piedi alla macchina sia sul lato destro orografico (meglio) che su quello sinistro (lungo la strada).
Il rigelo è eccellente tanto che i rampant sono pressochè indispensabili per gran parte del percorso. In corrispondenza della rampa di accesso ai pendii superiori cominciano a farsi vedere 2 dita di neve fresca che diventano una decina di cm più in alto; qualche zona è stata spazzata dal vento per cui rimane solo uno strato di neve dura giallastra.
Mi son fermato all'uscita del canale, 60 metri sotto la cima, a causa del rapido peggioramento delle condizioni atmosferiche.
In discesa la visibilità è stata pressochè nulla (con nevischio consistente) fino alla citata rampa. In questa zona e fino alla macchina non nevicava, la visibilità era discreta se non buona e la qualità della neve eccellente (persino da 4 sci).
Il giudizio finale (e personale) risente del mancato raggiungimento della cima e soprattutto delle difficoltà incontrate nella prima parte della discesa a causa della visibilità - come già detto - pressochè nulla. 
Note compagniada solo; in discesa Renato 
Affollamentouna decina di scialpinisti su questo itinerario; molti altrove 
Foto della gita
alias personali
Non ci sono foto inviate da Ugo Bottari relative a questa sua gita
Questa scheda è stata visualizzata 565 volte
COMMENTI  (non c'è ancora alcun commento registrato di questa gita. Vuoi aggiungerne tu uno ?)
In questa stagione ci sono già state 3 effettuazioni registrate di questa gita. Eccole qui sotto in ordine cronologico, dalla più recente alla meno recente.
N.Data
effett.
Giud.
(0-5)
Qualità neve
in alto (), a metà () e in basso ()
Altezza neve
in quota (), a metà () e alla partenza ()
Autore
segnalazione
25/054 Primaverile morbida liscia
Primaverile morbida liscia
Primaverile morbida ondulata
60 cm
60 cm
0 cm
Giacomo Olivero
01/051 Farinosa umida - 10 cm di farina su fondo duro
Primaverile ghiacciata liscia - con qualche zona di farina
Primaverile morbida liscia - lievissimamente ondulata
120 cm - 10-15 cm di neve nuova

30 cm
Ugo Bottari
12/113 Farinosa asciutta leggera
Farinosa asciutta leggera
Altro tipo di neve - compatta umida
50 cm
30 cm
20 cm
Tommaso Guasco

Itinerario
Si segue la strada che da Strepesi giunge prima a Callieri e poi a San Bernolfo che si lascia sulla destra per poi proseguire sempre nella stessa direzione nel fondovalle del Vallone di San Bernolfo.
Superare la capanna del Corborant (un morteo metallico in rovina) e affrontare una ripida ma larga rampa verso quota 2000. Proseguire sempre nella stessa direzione avendo davanti il passo di Barbacana che tuttavia non si raggiunge. Voltare a destra ormai in vista della Rocca Negra (a sinistra) e del Becas del Corborant (a destra).
Scegliere uno dei canali che scendono direttamente dalla cima e salirlo a piedi. E' anche possibile salire, sci ai piedi, il ripido pendio più a sinistra che sbuca sulla cresta frontiera; da qui, sempre per cresta, ci si avvicina al massimo alla vetta che si può raggiungere con brevissimo tratto a piedi. 
Discesa
Lungo la via di salita oppure sui ripidi pendi che scendono nel vallone di Laus Fer ricongiungendosi verso quota 2400 alla via di salita normale alla Cima di Corborant e la Punta Gioffredo. 
Se riscontri degli errori in questa scheda, qualsiasi tipo di errore, sei pregato di segnalarlo con questo modulo. Grazie ![ 109 ms ]

Riguardo . . .
... Bagni di Vinadio (Vinadio)
  Previsioni del tempo
  Elenco gite valle Valle Stura (dx orograf.)
  Nivometri della valle/zona
  Mappa delle gite effettuabili
  Accesso autostradale
... Ugo Bottari
  Chiedi maggiori informazioni
  Elenco delle sue gite in questa stagione
  Mappa delle sue gite in questa stagione
  Galleria di tutte le sue fotografie
... le tue prossime gite
  Bollettino valanghe AINEVA
  Previsioni neve AINEVA
  Qualita e altezza neve delle ultime 20 gite